Repubblica.it > Tecnologia

Nasce Watch, la tv 2.0 di Facebook (ven, 11 ago 2017)
Presentata da Mark Zuckerberg, permetterà di creare contenuti ad episodi. "Dalle commedie allo sport", poco importa che siano video in diretta o registrati,...
>> leggi di più

Digital divide

Per Digital Divide si intende alla lettera divario digitale: esso viene inteso come mancanza di accesso e di fruizione alle nuove tecnologie di comunicazione e informatiche. Alla base di tale disuguaglianza, è possibile riscontrare motivazioni politiche, economiche, tecnologiche ma anche sociali, si pensi ad esempio al tipo di occupazione, al reddito, o ancora alla concorrenza fra gli operatori telefonici. Di non minore importanza è anche la geomorfologia del territorio che condiziona ad esempio la diffusione della banda larga. Questo divario, comunque, non esiste solo tra paesi ricchi e paesi poveri ma anche all’interno dei paesi sviluppati. Tuttavia, il telefonino è il primo strumento di comunicazione hi-tech a raggiungere ogni angolo del globo.

 

Esistono molte fondazioni enti e associazioni che promuovono delle attività rivolte al superamento del digital divide, come Africa interactive Media Foundation che offre ai cittadini di diversi paesi africani, come Kenya e Ghana, l'opportunità di partecipare alla costruzione di un sistema indipendente di diffusione delle informazioni , accessibile online e tramite cellulare. I contenuti principali fra i quali interviste, testimonianze e editoriali che mostrano la realtà di questi paesi sono postati su Voices Of Africa. In tal modo viene offerta la possibilità a questi popoli di diventare veri e propri "camjo", ovvero camera journalist.

 

Vi sono altri siti internet come africanews e afromagazine attraverso i quali molti africani raccontano cosa succede nel loro paese, così le notizie riguardanti l'Africa non saranno più filtrate da punti di vista stranieri.